Vittorio Pagotto

Vittorio Pagotto

``Il vino ... un lungo viaggio``

Consegue il titolo di Enotecnico all’Istituto Cerletti di Conegliano nel 1974 e comincia la sua esperienza di professionista nell’ambito vinicolo. La passione per il vino autentico lo ha spinto ad una continua ricerca personale attraverso i sapori del territorio, per ottenere una selezione che avesse tutti i valori in cui crede: autenticità, materie prime di alta qualità , processi controllati unitamente al rispetto dell’ ambiente.

Cresciuto tra Conegliano e Valdobbiadene ha approfondito la conoscenza del vitigno Glera* che in questi luoghi trova il suo ambiente ideale.

“Il Prosecco è un vino ottenuto dalla vinificazione delle uve del vitigno Glera. Questo vitigno autoctono coltivato sui colli di Conegliano e Valdobiadene, è presente fin dall’inizio del 1800. In questa zona, ha trovato il suo ambiente ideale: la giusta natura e composizione dei suoli, colline ben esposte, piogge abbondanti e frequenti, temperature costantemente miti tra Aprile e Ottobre e marcate escursioni termiche nel periodo della maturazione. Il Glera è rustico e vigoroso, con tralci color nocciola e foglie grandi di un bel verde brillante che trascolorano nel giallo dorato in autunno. I grappoli sono grandi, spargoli, con acini rotondi o leggermente ovali, di colore giallo, dalla buccia sottile, ricca di aromi. La qualità del Prosecco nasce anche grazie alla composizione eterogenea dei terreni. L’individuazione precisa dell’epoca di vendemmia ed un’attenta e rigorosa vinificazione fanno il resto.”